La Valle dei Templi ed il suo paesaggio

La Valle dei Templi ed il suo paesaggio - Agrigentoguidedtours

Capre Girgentane

La Valle dei Templi ed il suo paesaggio - Agrigentoguidedtours

La Valle dei Templi ed il suo paesaggio - Agrigentoguidedtours

Il Centro Storico

Il Centro Storico - Agrigentoguidedtours

My old,old town

Il Centro Storico - Agrigentoguidedtours

Vicolo

Valle dei Templi in watercolors

Valle dei Templi in watercolors - Agrigentoguidedtours

Valle dei Templi in watercolors - Agrigentoguidedtours

Valle dei Templi in watercolors - Agrigentoguidedtours

Home » Oltre la VALLE DEI TEMPLI

Oltre la VALLE DEI TEMPLI


La Granita Siciliana: ricetta di L. Sciascia

La Granita Siciliana: ricetta di L. Sciascia - Agrigentoguidedtours

Di ricette di granita siciliana ne è pieno il web.

Ho scelto per voi le parole di Leonardo Sciascia che evocano l'atmosfera dei tempi andati e ci danno gli ingredienti della granita per come la si è fatta sempre a casa mia, ma che per molti di voi saranno una sorpresa. Leggete!

Chi si ricorda più della neve che i carretti portavano giù dalle neviere di montagna, coperta di sale e paglia, e di cui per le strade si gridava la vendita e dalle case si accorreva a comprarla refrigerio delle mense estive? Due soldi di neve, quattro soldi: e la si metteva nell'apposito incavo di certe bottiglie (non ne ho viste più in giro), a far fresca l'acqua, a rendere quei fortissimi vini rossi all'illusione della leggerezza. Mezza lira di neve poi bastava a gelare quell'insieme di acqua, zucchero e limone e bianco d'uovo battuto a schiuma, che era la granita: la granita di una volta, che ancora, fortunatamente, in qualche paese fuori mano  è possibile trovare.

Leonardo Sciascia

commenti (0)

Nuovo nido di Caretta Caretta presso Marinella

Nuovo nido di Caretta Caretta presso Marinella - Agrigentoguidedtours

Nuovo nodo di tartaruga avvistato nelle spiagge agrigentine.

Questa volta in una spiaggia molto frequentata: siamo nei pressi di Marinella a Porto Emoedocle. La spiaggia del commissario  Montalbano!

Forza piccoline. Mettetecela tutta

Vi aspettiamo!

 

 

 

commenti (0)

Agrigento e il suo pane

Agrigento e il suo pane - Agrigentoguidedtours

La Sicilia, si sa, ha una tradizione storica di grano e di pane. La storia della Sicilia è la storia del suo pane. I greci la considerarono l'isola sacra a Demetra e Persefone, dee della cerealicoltura. In epoca romana svolse il ruolo di “ granaio di Roma e nutrice della romana plebe". Alcuni studiosi ritengono poi che alle diverse pestilenze il popolo siciliano abbia reagito meglio di altri paesi europei perché poteva nutrirsi del suo salutare pane di grano duro. Ed infatti le sue 52 eccellenti qualità di antichi grani autoctoni, duri e non, presentano un alto contenuto di fibre e proteine. Poco glutine, cosa che rende le farine più digeribili e assimilabili. E poca acqua. Cosa che permette al pane di conservarsi meglio. Ancora oggi i siciliani sono tra i più grandi consumatori di pane in Italia. E la Sicilia conta il più alto numero di operatori del pane. Ad Agrigento i panifici vengono detti “forni"; forse in ricordo di quando il pane veniva impastato dalle famiglie in casa, in quantità sufficiente per almeno tutta la settimana, ma lo si portava poi ad un fornaio perché lo cuocesse dietro compenso. Ogni forma di pane ha un nome preciso che si tramanda di bocca in bocca, dal fornaio al cliente, senza magari ricordarsi piu’ il perché: il “chichireddu” che si presenta nella forma portatrice di buon augurio, di un ferro di cavallo; il “maccicuni” , parola che in dialetto significa morso, boccone, ha forma allungata ed è ottenuto da una semola di grano duro come tutti i tipi di “pane di casa"; la “guastedda” pagnotta rotonda che nella forma imita la guastedda di formaggio; più leggera di impasto la “ mafalda" e la “reginella" . Pare che la mafalda abbia preso questo nome in onore di Mafalda di Savoia figlia di re Vittorio Emanuele III. Tutti questi pani vengono abbondantemente insaporiti dalla “giuggiulena": una parola mutuata dall’ arabo giulgiulan per indicare i semi di sesamo. La giuggiulena compare ancora sui biscotti “regina" ed altre varietà di taralli che abbondano nelle vetrine di ogni forno. È questa pioggia di semi croccanti quasi un marchio del pane siciliano nel mondo. Dal mondo arabo si è appresa l'abitudine di insaporire pani e dolci con questi semi. Ma tutta siciliana resta poi l'arte di produrre un pane compatto, sincero, che non si sbriciola troppo; sapido al punto giusto e che solo con un filo di olio evo e pepe ( il rito del pane “cunzatu" per assaggiare l'olio nuovo) è già degno di una degustazione da gourmet. A questa grande tradizione siciliana di pane la nostra Agrigento aggiunge una specialità tutta sua. I panini di San Calogero, la cui festa cade nella prima domenica di luglio. Si tratta di panini votivi di grano duro aromatizzati con i semi del finocchietto che compaiono abbondanti sia nell’impasto che in superficie. Eccezione unica in cui la giuggiulena cede il pas so al sapore dolce e fresco dei semi di finocchietto, creando un pane che si abbina bene tanto a spezzare i sapori piccanti quanto ad accogliere quelli dolci. Ma perché questi semi nei pani votivi dell’amatissimo Santo taumaturgo degli agrigentino? Il motivo pare sia dovuto alle proprietà curative di questi semi a cui la medicina popolare riconosce proprietà antinfiammatorie e  antispasmodiche.  Vi aspetto!

Sara Chiummo 

 

commenti (0)